pannolini lavabili: istruzioni per l’uso


Una delle maggiori remore su usare o meno i pannolini lavabili è legato al tempo di “manutenzione”.

Come ho già raccontato in questo post, mi trovo benissimo con i pannolini lavabili e non tornerei indietro. E devo dire che non riscontro una grosso incremento di lavoro o di tempo per la loro cura e gestione.

borsa porta pannolini lavabili

Il momento del cambio coi pannolini lavabili è esattamente uguale a quello coi pannolini usa e getta.

Si toglie il pannolino sporco, si pulisce la bimba e si rimette il pannolino che nel nostro caso è cover e inserto che si chiudono nello stesso modo degli usa e getta. I nostri pannolini lavabili hanno dei bottoncini sul davanti, ma esistono anche versioni col velcro. Che assomigliano in tutto e per tutto agli usa e getta, comodi e veloci da usare. Adatte anche per i meno esperti come nonni, tate, asili nido, etc.

Una volta cambiato il pannolino e rivestita Priscilla, se sono a casa, porto i pannolini lavabili sporchi direttamente in lavanderia. Se sono fuori casa ho la sacchetta porta pannolini con la tasca esterna impermeabile ma traspirante dove riporli. Comperata a 5$ dollari su amazon… Economicissima e molto funzionale. Ovviamente noi l’abbiamo scelta molto rosa come piace a me 😉
Appena rientrati a casa basta svuotare la sacchetta e portare i pannolini sporchi in lavanderia.

Se sono sporchi solo di pipi per scrupolo do una passata sotto l’acqua prima di infilarli in lavatrice. Se invece sono sporchi di cacca, li lavo con una goccia di sapone per i piatti. I puristi dei pannolini lavabili probabilmente inorridiranno. Ma ho scoperto per caso che li lascia molto più puliti. Soprattutto dato che qui in Repubblica dominicana si fa la lavatrice con acqua fredda. Una goccia di detersivo per i piatti e una spazzolina da bucato.

Anche l’uso della spazzolina per togliere la cacca non è l’ideale perchè stressa gli inserti e a lungo andare li rovina. Ma e’ stata una scelta dettata sempre dal fatto che nel nostro caso vengono lavati a freddo. Quindi preferisco toglierla un po’ più aggressivamente ma essere sicura che siano puliti.

Al massimo compererò alcuni inserti nuovi più avanti in caso fossero troppo rovinati, ma il risparmio e i benefici saranno comunque notevoli.

pannolini lavabili come lavarli

Una volta tutti sciacquati, inserisco i pannolini lavabili direttamente in lavatrice e appena ho un po’ di vestiti da lavare, procedo a lavarli con un lavaggio normale.

Io lavo i pannolini, i vestiti della bambina e le nostre cose insieme, sia per non dover fare troppe lavatrici (qui l’acqua e la corrente elettrica sono quasi un lusso e non mi sembra corretto sprecare entrambi). Sia perchè i pannolini lavabili vengono precedentemente puliti a mano e quindi non ci vedo nulla di male. Sia perchè tanto procederei a disinfettare comunque tutto.

Durante il lavaggio dei pannolini lavabili è importante mettere poco detersivo. Meglio se naturale ed ecologico (se si trova) e NON mettere ammorbidente.

L’ammorbidente infatti è nemico dei pannolini lavabili. Si crea infatti tipo una patina che li cera: non li rende assorbenti e non possono svolgere il loro lavoro. In caso doveste accorgervi che sono stati lavati con ammorbidente, basta fargli fare un nuovo risciacquo in lavatrice per togliere il sapone in eccesso 😉 .
Io ad ogni lavaggio aggiungo al detersivo un po’ di bicarbonato di sodio per disinfettare il bucato. Una volta ogni mese, poi, faccio una lavatrice con solo i pannolini lavabili con bicarbonato e aceto per disinfettare meglio (non aggiungo l’aceto sempre perchè diventa un trattamento troppo aggressivo)

Finito il ciclo della lavatrice, si stende tutto normalmente ad asciugare.

pannolini lavabili consigli per l'uso centrifugato di mamma

Può capitare che sugli inserti dei pannolini lavabili rimangano degli aloni di sporco nonostante siano puliti e profumati ( e a me lavando in acqua fredda capita spesso! 🙁 )
Ho cercato quindi una soluzione e vi sembrerà incredibile! Per togliere gli aloni basta semplicemente.. stenderli al sole diretto!

Le prime volte non ci credevo, ma stesi al sole si vede proprio che piano piano le macchie e gli aloni scompaiono e gli inserti tornano brillanti.

Dopo mesi di utilizzo e i trattamenti un po’ piu’ aggressivi del dovuto, alcuni inserti iniziano a sembrare un po’ provati, ma qui purtroppo le condizioni non mi permettono le dovute cure, ma sono sicura che con un po’ di attenzione, i pannolini lavabili possono durare non dico eternamente ma quasi! 😉

E come potete vedere usarli non richiede ne più ne meno tempo di un normale lavaggio.

Fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto. 🙂

 

 


centrifugatodimamma

Informazioni su centrifugatodimamma

Milanese di origine, giramondo di vocazione. Alterno varie esperienze tra animazione, educazione (in asilo nido e scuole di vario grado) e turismo. Dopo un’esperienza di 6 mesi in Egitto nel 2002 torno in Italia, apro e gestisco degli asili nido per 10 anni, mi sposo e sembra che ormai la vita abbia preso un binario sicuro e solido. Ma il sogno di lasciare di nuovo l’Italia rimane sempre vivo (e neanche ben celato! ;) ). Nel 2012 anche mio marito si convince e decidiamo di trasferirci in Repubblica Dominicana alla ricerca di caldo e di una vita più semplice e serena. Qui nel 2015 nasce la nostra bimba Priscilla… e con lei il blog Centrifugato di mamma. Dove racconto com’è essere mamma, com’è esserlo lontano dalle nostre famiglie, come viviamo in un luogo tanto diverso da quello da cui veniamo, e le meraviglie che scopriamo giorno dopo giorno. Da novembre 2018 siamo a Malaga, pronti per nuove avventure! ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *