Trasferirsi all’estero coi bambini: opportunità e difficoltà


La mia prima esperienza di vita all’estero risale al lontano 2002, prima di conoscere Gianluca e anni luce prima dell’arrivo delle bambine. E da allora ( ma anche da prima in realtà) sono convinta che vivere all’estero, inserirsi in una realtà diversa da quella in cui si è nati e cresciuti e in cui ci si muove senza problemi, sia un’esperienza arricchente. Ed anche ora che ci sono le bambine sono sempre più convinta che trasferirsi all’estero coi bambini sia un’esperienza ricca di opportunità.

Trasferirsi all’estero coi bambini: opportunità.

La cosa più lampante nei bimbi che crescono all’estero è l’opportunità di poter crescere usando più di una lingua. Le mie bimbe stanno crescendo bilingue (nel nostro caso in realtà sono quasi trilingue) con naturalezza e semplicità. È normale per loro avere una lingua da parlare con noi, una lingua per la scuola e alcuni amici e un’altra per poter comunicare in altre occasioni. Bea sta iniziando a parlare ora quindi questi si vede ancora poco. Priscilla invece salta con estrema facilità da una lingua all’altra. E nella realtà globalizzata di questi decenni, poter essere naturale e fluente in più di una lingua credo fortemente sia una grande opportunità che stiamo regalando loro.

(Potete approfondire l’argomento leggendo anche “come funziona il bilinguismo” e “diventare bilingue? oggi si può!“)

Un altro aspetto che per me è una grande opportunità legata al vivere all’estero è la possibilità di conoscere e vivere culture diverse, che si tratti di cibo, tradizioni o usanze. Il colore della pelle non è un problema per Priscilla. Così come non lo è veder fare cose che noi non facciamo. È aperta alle differenze, che siano dovute alle origini o alle singole propensioni personali.

Per noi la vita all’estero con le bimbe ha coinciso anche con un cambio radicale nello stile di vita che ci ha permesso di goderci appieno i primi mesi (e anni) senza i ritmi frenetici di Milano. Per me assolutamente un aspetto super positivo a cui non rinuncerei. Ovviamente questo awspetto dipende tanto dalla zona in cui ci si trasferisce e forse anche da dove si viveva in Italia, ma per me vivere all’estero ha coinciso con abbassamento dello stress e possibilità di potermi godere le bambine, cosa che sono sicura non avrei potuto fare nello stesso modo se avessimo continuato a vivere in italia.

Trasferirsi all’estero coi bambini: difficoltà.

Cambiare non è mai semplice soprattutto per i bambini, che di norma sono abitudinari e hanno bisogno di punti di riferimento chiari e costanti. In un trasferimento all’estero ci si ritrova invece a cambiare tutto. E ritrovare gli equilibri può non essere cosi immediato.

La lingua: Trasferendosi al di fuori dell’italia, la prima cosa con cui si ha a che fare è ovviamente un’altra lingua. I bambini possono rimanere decisamente spiazzati, se non erano già stati preparati prima con dei corsi o delle attività che li avvicinino alla lingua che si parlerà nel nuovo paese. Anche solo iniziare qualche mese prima a vedere i cartoni animati o ascoltare canzoncine nella nuova lingua li può aiutare a familiarizzare e a comprendere che le cose si possono dire anche in altri modi.

Routine e punti di riferimento: Ogni trasferimento porta con se un grande cambio a cui ci si deve abituare. Questo succede a maggior ragione se ci si trasferisce tanto lontano e si devono ricostruire tutte le routines e ritrovare dei punti di riferimento.per noi e per i bimbi. Per noi è stato importante portarci dietro alcune cose fondamentali per le bimbe, come il loro pupazzo preferito. E mantenere alcuni rituali, come il racconto della buonanotte, che le hanno aiutate a non sentirsi perse del tutto.

La lontananza: sarà che sono appena andati via i nonni dopo 10 giorni qui da noi, ma la lontananza dalle famiglie di origine e dagli amici storici è per me un aspetto negativo del vivere all’estero. Soprattutto per i bambini. Che vero che magari, come nel nostro caso, non hanno vissuto una quotidianità pre trasferimento, con i parenti vicino. Ma che comunque soffrono della lontananza, dei continui arrivederci e addii.

(puoi leggere anche “l’importanza dei nonni“)

Trasferirsi all’estero coi bambini: la nostra esperienza da Sosua a Malaga

Priscilla ha fatto decisamente fatica in questo nostro trasferimento dalla repubblica dominicana alla Spagna. Per lei Sosua era stata tutta la vita e staccarsi da alcune cose e soprattutto da alcune persone non è stato semplice.. ma ora sta iniziando a sentirsi a casa anche qui!

Non vi nego che i primissimi mesi sono stati decisamente difficili. Mi aspettavo un po’ di fatica ma non la crisi forte che ha avuto tra dicembre e gennaio. E’ tornata a fare la pipì a letto, capricci a non finire e tanta agressività nei confronti della sorellina, nei nostri confronti e di tutti quelli che incontrava sul suo cammino.

Anche l’inserimento nella nuova scuola non è stato semplice.

Non tanto per il distacco: era già abituata, avendo frequentato sia il nido sia i primi mesi di infantil (scuola materna) mentre eravamo a Sosua. E’ infatti entrata fin dai primi giorni senza problemi, sventolando la manina e addentrandosi a passo sicuro fino al cortile dove si aspetta la maestra.

(potete leggere anche “inserimento al nido: come aiutare i bambini al distacco“)

E nemmeno per la lingua: lei già parlava spagnolo quindi, rispetto a bambini che si trasferiscono per la prima volta all’estero, era facilitata.

Il problema è stato non sentirsi parte del gruppo classe: inizialmente pensavo a problemi di integrazione (che può succedere), che essendo l’ultima arrivata, a metà anno, non la coinvolgessero nei giochi e nelle attività. Invece parlando con la maestra ho scoperto che era lei che evitava di farsi coinvolgere. Ripeteva infatti spesso a chi cercava di avvicinarla, che lei non era di Malaga, che non viveva qui, che era diversa.

Ha evitato per alcuni mesi di investire emotivamente nel nuovo posto, ed anzi, non perdeva occasione per sottolineare come a Sosua sarebbe stato diverso (e ovviamente migliore 😉 ). Quando ha finalmente compreso che non si sarebbe tornati indietro e che la nuova realtà è quella dove staremo, non dico per sempre (ormai il per sempre evito di usarlo) ma per un bel po’ di tempo, le cose hanno iniziato ad andare meglio.

Ora anche qui è casa, i compagni di scuola sono i suoi amichetti e ha trovato la sua routine. E sta scoprendo con piacere (finalmente) le cose belle che ci sono qui.

(potete leggere anche gli articoli che parlano del “parque de la paloma“, di “Mijas Pueblo” o dell’acquario “Sea Life di Benalmadena“)

Siamo ancora in fase transitoria, quindi non abbiamo ancora raggiunto una vera e propria stabilità, ma va decisamente meglio e sono sicura che potrà solo migliorare. Per noi, ma soprattutto per le bimbe.

Se volete leggere altri racconti di famiglie che hanno deciso di trasferirsi all’estero coi bambini li trovate nel libro a cui ho partecipato “mamme italiane nel mondo

A presto


centrifugatodimamma

Informazioni su centrifugatodimamma

Milanese di origine, giramondo di vocazione. Alterno varie esperienze tra animazione, educazione (in asilo nido e scuole di vario grado) e turismo. Dopo un’esperienza di 6 mesi in Egitto nel 2002 torno in Italia, apro e gestisco degli asili nido per 10 anni, mi sposo e sembra che ormai la vita abbia preso un binario sicuro e solido. Ma il sogno di lasciare di nuovo l’Italia rimane sempre vivo (e neanche ben celato! ;) ). Nel 2012 anche mio marito si convince e decidiamo di trasferirci in Repubblica Dominicana alla ricerca di caldo e di una vita più semplice e serena. Qui nel 2015 nasce la nostra bimba Priscilla… e con lei il blog Centrifugato di mamma. Dove racconto com’è essere mamma, com’è esserlo lontano dalle nostre famiglie, come viviamo in un luogo tanto diverso da quello da cui veniamo, e le meraviglie che scopriamo giorno dopo giorno. Da novembre 2018 siamo a Malaga, pronti per nuove avventure! ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *