Ti voglio regalare una stella


Spesso si pensa e si ripensa a cosa regalare per un evento importante. E a volte si vuole fare un pensiero speciale anche senza nessuna ragione. Trovare la cosa giusta per esprimere sentimenti importanti spesso non è per niente facile, anzi.  Spesso non si riesce proprio a trovare un oggetto che possa rendere al meglio ciò che abbiamo in mente. Io da quando è nata Priscilla spesso penso che non riesco veramente ad esprimere a parole tutto l’amore che provo per lei. Non sono sufficienti. Ed è da quando è nata, ormai quasi 3 anni fa, che cerco qualcosa che mi aiuti a lasciarle un segno che le ricordi sempre tutto questo amore. Ma perchè cercare per forza un oggetto?! A volte è molto meglio qualcosa di simbolico.

Io ho deciso di regalare una stella a Priscilla come simbolo del nostro amore eterno che la accompagnerà.

No, non sono impazzita! Le stelle si possono regalare! Non fisicamente ovviamente. Anche se a volte vorrei esser capace di salire fin su nel cielo e raccoglierne una da darle in mano. Ma visto che, ahimè, non è possibile, lo possiamo fare almeno simbolicamente.

Ho scoperto online un sito francese che ti permette di regalare una stella alle persone che più si amano.

Etoilez-moi infatti, permette di scegliere la costellazione e nominare così una stella con il nome della persona a cui state facendo il regalo. E registra tutto all’interno dell’International Celestial Repertory mandandovi poi il certificato, per rendere il regalo ufficiale. Da 30 anni, l’ICR è infatti il registro americano di riferimento per il battesimo delle stelle.

Ci sono diversi pacchetti tra cui scegliere. Io ho scelto la versione online visto che farsi spedire le cose qui a volte è complicato. Ma potete scegliere anche la versione con la confezione regalo che vi arriverà direttamente a casa in un elegante cofanetto.

Con la versione online ottenete in 24 ore via mail la confezione regalo Stella Cadente che include:

  • Il certificato di battesimo di una stella col nome da voi scelto
  • La mappa astronomica per localizzare la vostra stella
  • La scheda della costellazione
  • Una poesia

Io ho scelto ovviamente di dare il nome Priscilla alla stella, scelta nella costellazione del cancro (il suo segno zodiacale). E ho fatto datare il certificato per il prossimo 1 luglio, giorno del suo terzo compleanno.  Così sarà un regalo particolare e speciale.

Ho già in mente di regalare una stella, poi, anche a Beatrice (non vi avevo ancora detto che la sorellina si chiamerà così?!?) quando sapremo di preciso il giorno di nascita. Un regalo perfetto per il suo battesimo.

Sì, perchè, sia che tu debba fare un regalo per un battesimo, per un compleanno o trovare la cosa giusta per festeggiare una persona amata, regalare una stella può essere un’idea molto originale.

Un modo per esprimere tutto l’amore che si sente e che spesso non si riesce ad esprimere. Un modo per racchiudere in un gesto simbolico la vastità e l’eternità di questo sentimento. Un regalo che forse le bimbe non comprenderanno ora, ma che son sicura, col tempo, sapranno comprendere ed apprezzare.

Avete mai pensato di regalare una stella!? Seguiteci sui nostri social (facebook e instagram) perchè a breve potrebbe esserci una sorpresa anche per voi! 😉

articolo in collaborazione (prova servizio) con Etoilez-moi

 


centrifugatodimamma

Informazioni su centrifugatodimamma

Milanese di origine, giramondo di vocazione. Alterno varie esperienze tra animazione, educazione (in asilo nido e scuole di vario grado) e turismo. Dopo un’esperienza di 6 mesi in Egitto nel 2002 torno in Italia, apro e gestisco degli asili nido per 10 anni, mi sposo e sembra che ormai la vita abbia preso un binario sicuro e solido. Ma il sogno di lasciare di nuovo l’Italia rimane sempre vivo (e neanche ben celato! ;) ). Nel 2012 anche mio marito si convince e decidiamo di trasferirci in Repubblica Dominicana alla ricerca di caldo e di una vita più semplice e serena. Qui nel 2015 nasce la nostra bimba Priscilla… e con lei il blog Centrifugato di mamma. Dove racconto com’è essere mamma, com’è esserlo a 12 mila km dalle nostre famiglie, come viviamo in un luogo tanto diverso da quello da cui veniamo, e le meraviglie che scopriamo giorno dopo giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *